Bilancio Annuale

Il 2014 è ed è stato un anno strano. Ricordo come se fosse ieri Piazza Maggiore allo scoccare della mezzanotte, le note di Lucio Dalla con “L’anno che verrà”. Il rumore di una piazza che diventa quasi silenzio con quelle note che accompagnano i ricordi, belli e brutti.

Tutto ebbe inizio con un influenza colossale, persone finite in ospedale, un dramma. Poi il rush finale verso la Laurea. Il 20 Marzo ero completamente stordito, il 21 ero completamente fuso, il 22 non ricordo.

Comincia la mia avventura nel perdere peso, Piscina come se non ci fosse un domani fino ad arrivare all’estate con 20 chili in meno e tanta voglia di stare al mare di più.

A settembre è tempo di bilanci e bilance i chili persi diventano 30 come gli anni che compio, tutto comincia a diventare strano.

Gli ultimi 3 mesi sono stati inusuali, ho sofferto e ho gioito in campi completamente diversi, ho trovato un lavoro in un ambiente che sembra promettere bene e in cui mi trovo a mio agio e ho perso fiducia nei confronti di alcune persone.

Ma d’altronde questa è la vita, un onda di alti e bassi che va surfata. Purtroppo, però, a volte si casca e più si è in alto più fa male.

Ricordo come se fosse ieri Piazza Maggiore allo scoccare della mezzanotte, ma quel ricordo in realtà è molto lontano.

Commenti